Fausto Viviani è il nuovo Portavoce del Forum Terzo Settore Emilia Romagna

0
28

Si è svolta lunedì 22 giugno l’Assemblea Elettiva del Forum Terzo Settore Emilia Romagna che ha visto l’elezione di Fausto Viviani come Portavoce del Forum, organismo che oggi è il principale rappresentante delle organizzazioni di Terzo Settore in Emilia-Romagna.
Viviani, che lascia la carica di Presidente dell’Auser Emilia Romagna, per assumere questo nuovo incarico ha sottolineato nel suo intervento l’importanza della parola solidarietà affermando che “la strada non è quella dei muri e delle discriminazioni ma del cambiare passo, promuovendo le innovazioni culturali, relazionali e organizzative necessarie. Cambiamenti che debbono contenere una sempre maggiore sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Cambiamenti che devono passare dalla centralità del territorio, inteso come luogo vitale, alle persone, alle famiglie e alle comunità; un territorio aperto, accessibile a tutti con reti digitali diffuse ed efficienti, con servizi di welfare adeguati e personalizzati anche grazie alla sperimentazione dei budget di salute; quindi un territorio sempre più sostenibile e solidale”.
Sandro Cominardi, portavoce uscente ha dichiarato nella sua relazione che, se una dalle parole fondamentali della nuova legge sul no profit è Impresa, per il Terzo Settore essere impresa è un mezzo non un fine. Ha poi spiegato cosa si intende per budget di salute: “Il budget di salute personalizza l’intervento e crea un minimo di pari opportunità; deve quindi far parte dei Livelli Essenziali di Assistenza (non sarebbe meglio Livelli Essenziali di Salute?). In questo senso, in un Piano socio-sanitario, il budget di salute diventa obiettivo fondamentale e non assimilabili a tanti altri obiettivi”.

L’assemblea elettiva ha visto la partecipazione vivace di una trentina di associazioni aderenti dato che si è trattato del primo momento di incontro reale dopo oltre tre mesi dalle misure di lockdown dovute al covid-19. Ma in tutto questo periodo gli operatori e i volontari del Terzo Settore non sono certo stati fermi e hanno dato il loro contributo nei servizi di consegna della spesa e delle medicine a domicilio, nella loro presenza sulle autoambulanze e in molteplici altri modi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here